(link in bio)

Ci siete? Mi vedete? Mi siedete?


Io sono qui. Davanti a voi.
Sto dalla vostra parte, dalla parte dei pelati, di quelli che non hanno capelli.

Premetto che non ho risposte ma soprattutto non ho domande.
Quando trovo una domanda si rivela quella sbagliata.
Siamo a corto di idee, signori, è per questo che siamo qui.

Cliccate Mi Piace e seguite la pagina, lasciate un commento, scatenatevi. Thank You.

Discutiamo, discutere, deriva dal greco: discu e utero, nel senso femminino di dare e avere anche quando non ne puoi più, in tempi guerra. E non siamo forse in guerra? Non ve ne siete accorti? Con noi stessi, contro noi stessi, coi greci…Paradossalmente ci pensate è un grande insegnamento, la cosa più facile del mondo.

Parlo con te adesso, lasciatelo dire, in modo totalmente trasparente, a te che guardi, solo a te, senza per forza condividere la tua opinione ma permettendoti tranquillamente di esprimerla anzi facendomi carico io nella proporzionata somma del 50 e 50 di assicurare alla tua libertà di espressione la giusta consapevolezza, di essere qui ora, insieme, a imparare ma anche a ricevere paradossalmente imparare a dare.
Cosa te ne pare? E quindi?

La lezione di oggi: le sette cose da non fare se ne hai solo 3

Prima cosa: evita le altre 4, tanto non le hai.
Seconda cosa: non esiste, come il libero arbitrio.

Terza cosa: osserva i campioni, ti spiego, prendi ad esempio Jeff Bezos o Elon Musk, il grande Nureyev di cui esce a breve uno speciale + intervista (link in bio), insomma i primi tre del tennis mondiale, le teste di serie, anzi le teste IN serie: la mia, la tua, la nostra, la vostra, la nuca.

Oppure una Ferrari, testa rossa in questo caso, una Maserati il cui colore tipico, converrai con me, è il nero.
Domanda: chi si può permettere macchine così costose? I ricchi.
Quanti soldi ho? Questo devi chiederti.
Quanti ne posso spendere e quanti ne voglio spendere?

Infine, perché?

Ora segna le risposte in tanti micro biglietti, inseriscili in tante micro buste e sigilla con della cera d’api.
Sii abbondante, perché passeranno gli anni.

E col tempo avrai dimenticato;

Tutto.

 

Foto tratte da Library of Congress

Altre storie
La Stanza di Emy